fbpx

    Il mondo di Jacovitti in mostra ad Aosta

    Fotografia: Un dettaglio di una vignetta di Jacovitti (ANSA)

    Da domani al 28 aprile 2019, il Centro Saint Bénin di Aosta ospiterà 250 disegni originali di Benito Jacovitti, artista scomparso nel 1997, entrato a pieno titolo nella storia del fumetto italiano, soprattutto grazie alla forma caricaturale dei suoi personaggi, tra cui i celebri salumi, affettati, serpenti e lumaconi.

    E’ un viaggio nel mondo di Jacovitti, con i suoi personaggi indimenticabili, come Cocco Bill e Zorry Kid. La mostra – curata dal vignettista Dino Aloi e da Silvia Jacovitti, figlia dell’artista, per la Regione Valle d’Aosta – propone schizzi, vignette, tavole di fumetti e illustrazioni con alcune chicche che si potranno vedere in originale per la prima volta.

    Tra queste i 60 disegni di figurine realizzate nel 1954 per l’albo de Il Vittorioso Genti d’ogni paese. All’ingresso un corridoio di 11 metri con 100 personaggi e foto dell’artista. Fiore all’occhiello il ‘Patentone’, gioco dell’oca disegnato da Jacovitti e riprodotto su un tappeto in grande formato per giocare con sagome segna posto.

    “E’ una mostra per celebrare l’intramontabile umorismo di Jacovitti”, spiega Aloi che con Silvia aveva già curato vent’anni fa una grande mostra su Jac, che ha girato l’Italia.