fbpx

    Il lavaggio del cervello? Esiste e avviene nel sonno

    Fotografia: Shutterstock
    Studio Usa rivela che, mentre dormiamo, il sangue presente nel cervello lascia spazio al liquido cerebrospinale

     

    Non è una tecnica di persuasione coercitiva né una manipolazione dei vostri pensieri. Il lavaggio del cervello esiste davvero e si compie ogni notte durante il sonno.

    A confermarlo uno studio condotto da una troupe di neuroscienziati, ricercatori della Boston University. La loro ricerca fa notare come, mentre si dorme, il sangue presente nel cervello lascia il posto a del liquido cerebrospinale, una sostanza incolore che circonda il cervello e il midollo spinale e che autoregola la presenza del sangue proprio nell’encefalo. Questo liquido del cervello arriva a pulsare durante il sonno. I suoi movimenti sono strettamente legati all’attività del flusso sanguigno e delle onde cerebrali.

    «Sappiamo da un po’ che ci sono queste ondate elettriche di attività nei neuroni. Ma prima d’ora non ci rendevamo conto che in realtà ci sono anche onde nel liquido cerebrospinale», dice la coautrice dello studio Laura Lewis.

    Questa importante ricerca neurologica è la testimonianza di efficienti onde elettriche neuronali. Il cervello quindi non si ferma mai: anche durante il sonno i neuroni non sospendono la loro attività. Anzi, il cervello è dieci volte più efficiente proprio di notte. Mentre si dorme, infatti, il sistema linfatico smaltisce i rifiuti metabolici accumulati durante il giorno nel cervello, ripulendolo delle tossine. Inoltre, quelle cellule cerebrali,che hanno il compito di mantenere vitali i neuroni, si rimpiccioliscono durante il sonno, permettendo l’ingresso di una quantità maggiore di liquidi che eliminano scorie e tossine, il cosiddetto lavaggio del cervello.

    La recente scoperta della Boston University è una rivoluzione nel mondo delle neuroscienze. Si potrà indagare meglio su una varietà di disturbi neurologici e psicologici, ancora irrisolti, spesso associati a disturbi del sonno, tra cui l’autismo e il morbo di Alzheimer.