fbpx

    Henry Diltz, il fotografo Rock, su “Ghiaccio Bollente” Rai5

    Fotografia: Ansa
    Henry Diltz è stato il fotografo ufficiale del leggendario festival musicale di Woodstock nell’agosto 1969 e per oltre 40 anni, il suo lavoro ha arricchito centinaia di copertine di album, ha pubblicato libri, è stato celebrato in riviste e giornali.

    Il documentario ”Henry Diltz, il fotografo Rock”, in onda giovedì 9 luglio alle 23.15 su Rai5 (canale 23) e disponibile anche in lingua originale, ripercorre la biografia e la carriera del fotografo Henry
    Diltz, narrate attraverso le sue parole e i racconti di alcuni degli artisti musicali più famosi al mondo. Diltz ha pubblicato alcune tra le foto più iconiche della nostra epoca, sempre in base a scelte
    casuali.

    Gene Simmons, Paul Stanley and Henry Diltz
    Gene Simmons, Paul Stanley and Henry Diltz

    Nato come musicista e fondatore del Modern Folk Quartet, cominciò a stringere numerose amicizie con gli artisti della comunità rock californiana degli anni ’60 e ’70. Immerso in questo mondo, scoprì per caso di avere una passione per la fotografia, che presto si trasformò nel suo lavoro e nella sua ossessione. Questo dono non passò inosservato ai suoi amici musicisti, e così Diltz cominciò a
    documentarli sul palco. L’elenco delle copertine degli album e delle foto dei musicisti che ha realizzato negli anni include nomi come i Doors, Eagles, Crosby Stills Nash & Young, Jackson Browne. Ha
    fotograto Woodstock, Monterey, e il suo lavoro è apparso sulle più importanti riviste mondiali.