Google/YouTube: guerra alla pirateria un… affare

    Fotografia: Lotta alla pirateria su Google e YouTube recupera soldi per industria musicale (Shutterstock)

    La lotta a contenuti violenti, inadatti ai giovani, o che violano i diritti d’autore non sono solo una battaglia dei principali social network.

    Google ha rimosso dal suo motore di ricerca 3 miliardi di indirizzi web per violazione del copyright, a partire dal momento in cui ha messo a disposizione dei detentori dei diritti e dei loro agenti lo strumento che permette di fare segnalazioni. In questa lotta alla pirateria, sono stati bloccati 10mln di annunci sospettati di violazione del copyright o perché rimandavano a siti che violavano il diritto d’autore.

    Ovviamente, in questa attività non poteva non essere coinvolto YouTube che, da ottobre 2017 a settembre 2018, ha pagato all’industria musicale 1,8 miliardi di dollari, calcolando i soli introiti pubblicitari. Il dato emerge dall’edizione 2018 del rapporto di Google sulla pirateria. Stando al documento “How Google Fights Piracy”, YouTube ha pagato più di 3 miliardi di dollari ai titolari dei diritti che hanno monetizzato l’utilizzo dei loro contenuti in altri video tramite “Content ID”, lo strumento per la gestione dei diritti.

    Potrebbe piacerti anche

    IA e robot a lavoro: rischi e numeri del fenomeno

    Intelligenza artificiale e robot sul lavoro spaventano. Molte persone temono che l’introduzione della tecnologia ....

    Web, social, chat, AI: dalla quantità alla qualità

    Il 15 novembre, al Museo MAXXI e all’Auditorium Parco della Musica di Roma, si ....

    Nasce app per non dimenticare bimbi in auto

    Da un recente sondaggio sugli optional che gli automobilisti vorrebbero di serie sui loro ....