fbpx

    Fendi mecenate: sfila sul Palatino e dona € 2,5 mln

     

    La maison Fendi il 4 luglio renderà omaggio a Karl Lagerfeld presentando la nuova collezione couture autunno-inverno 2019/2020 con un fashion show-evento sul Colle Palatino, “The Dawn of Romanity”. Un finanziamento di 2,5 milioni di euro per il restauro del Tempio di Venere

    Fendi rende omaggio alla memoria del suo genio, Karl Lagerfeld. Lo fa scegliendo Roma, sua città natale, per presentare la collezione couture Autunno/Inverno 2019-2020. Il 4 luglio la maison, del gruppo LVMH, sfilerà sul Colle Palatino, centro politico dell’antica Roma imperiale e il più centrale dei sette colli della Città Eterna.

    La collezione, intitolata “The Dawn of Romanity“, presenterà 54 look – uno per ogni anno di direzione artistica del compianto designer tedesco, deceduto lo scorso 19 febbraio. Un fashion show che presenterà alcuni dei modelli più iconici della maison, assieme a look mai visti prima, incarnando la tradizione con i capi d’archivio e nuovi orizzonti creativi. Circa 600 ospiti sono attesi al Palatino, che offre una vista a 360 gradi della capitale dell’Italia.

    In questa occasione Fendi – visto il legame che la lega a Roma – rinnova le iniziative di mecenatismo per la Città Eterna, avendo a cura le bellezze artistiche della Capitale.  Si comincia nel 2013 con il restauro della Fontana di Trevi – completato nel 2015 – e il progetto Fendi for Fountains, che comprende il recupero del complesso delle Quattro Fontane e il restauro e la conservazione di tante altre opere della Capitale: dal fontanone del Gianicolo alle fontane del Mosè, del Ninfeo del Pincio e del Peschiera, iniziate all’inizio di questo mese.

    Ma non finisce qui e la maison romana si mette in gioco con una nuova sfida, sostenendo ed eseguendo i lavori di restauro e valorizzazione finalizzati alla tutela e alla fruizione del Tempio di Venere al Palatino – teatro della prossima sfilata – finanziato per 2,5 milioni di euro.

    Il restauro, che comincerà nei prossimi mesi, fornirà una nuova sistemazione dell’area di fronte alla cella di Venere. «Portare la nostra couture a Roma è il modo migliore per celebrare Karl Lagerfeld, Fendi e la sua città, un’opportunità unica per esprimere le nostre radici, la nostra audace creatività e il più alto savoir faire, che sono sempre stati parte del DNA della maison. Il Colle Palatino è un luogo magico, che rappresenta perfettamente i valori di Fendi, la sua tradizione e la sua storia. Sono anche molto orgoglioso del restauro del Tempio di Venere, continuando così a sostenere il patrimonio culturale, non solo di Roma e dell’Italia, ma del mondo intero», afferma Serge Brunschwig, Presidente e CEO di Fendi.

    «Le emozioni e l’arte rappresentano una inseparabile combinazione della cultura in tutte le sue espressioni. Attraverso questo evento raggiungeremo un altissimo momento di sintesi dell’identità italiana concentrata nello charme e nella bellezza di luoghi e monumenti che dialogano armoniosamente con creatività contemporanea della quale Fendi rappresenta una delle maggiori eccellenze», così commenta Alfonsina Russodirettore del Parco Archeologico del Colosseo – che conclude: «Grazie a Fendi, il più grande tempio dell’antica Roma, dedicato a Roma Aeterna e Venus Felix, verrà riportato alla sua gloria passata».