Estate in arrivo: il troppo e il poco sole fanno entrambi male

Fotografia: Attenti al sole (ANSA)

Vedendo alcune persone al mare, stese sui lettini per ore sotto il sole, ci verrebbe voglia di chiedere il grado di cottura: ben cotte, medie o al sangue? Chi cerca la tintarella perfetta spesso sottovaluta i rischi immediati e le conseguenze a lungo termine dell’esposizione prolungata ai raggi solari: dalla semplice scottatura ai tumori della pelle.

Gli italiani non hanno la ‘cultura’ dell’esposizione al sole. Strati di crema troppo sottili, se non veri e propri buchi nella schermatura, sono i due principali errori in cui ci si imbatte cercando l’abbronzatura. “Di crema solare, per far sì che schermi quanto riportato in etichetta – spiega Domenico Centofanti, vicepresidente della Società Italiana di Medicina Estetica (Sime) – bisognerebbe applicarne due milligrammi per centimetro quadrato. Ma di solito se ne applica un quarto del necessario, e la quantità è direttamente proporzionata all’effetto“. Altro frequente errore è “applicarla dimenticando parti sensibili come orecchie, collo e piedi”.

Se da un lato non ci si protegge bene, dall’altro si commette, dunque, l’errore opposto, rifuggire il sole, necessario a produrre vitamina D. vero e proprio elisir di salute perchè contribuisce a proteggere da osteoporosi, demenza, insonnia, problemi al sistema nervoso, ai polmoni e al metabolismo, aiutando anche a rinforzare il sistema immunitario.

Nel Nord Europa c’è molta informazione a riguardo, cosa che non avviene in Italia. Come porre rimedio? La vitamina D si assume anche con cibi, ma la stragrande maggioranza si produce grazie al sole: bastano 20/30 minuti al giorno a giorni alterni. La sua produzione è condizionata da latitudine, stagione, orario di esposizione e quantità di pelle esposta. Ma anche da caratteristiche individuali: “Le persone giovani ne producono di più, quelle con pelle più scura ne producono di meno. L’assunzione di antibiotici, il colesterolo alto, e le patologie a carico di fegato e rene ne fanno produrre meno. Anche chi è obeso ne ha meno in circolo nel corpo, perché la vitamina D si accumula nel tessuto adiposo. Se questi equilibri funzionano male supplementare vitamina D non porta a risultati“.

Potrebbe piacerti anche

ll rischio di Alzheimer dipenderebbe dal grado di intelligenza

Il cervello, le sue funzioni e le potenzialità sono ancora in gran parte un ....

Demenza, test per diagnosticarla in anticipo

Mentre si moltiplicano le teorie sui motivi dietro il rischio di ammalarsi di Alzheimer ....

Stimolare il cervello per combattere l’obesità

Stimolare il cervello dall’esterno in modo del tutto indolore e non invasivo potrebbe aiutare ....