fbpx

    Ecco i migliori 100 libri secondo il “The Guardian”

     

    Nella classifica c’è spazio per due italiani: 66° posto per il professore e divulgatore di fisica teorica Carlo Rovelli, 11° per Elena Ferrante

    Il celebre giornale inglese “The Guardian” ha pubblicato la sua personale classifica dei migliori libri pubblicati da inizio millennio. “Romanzi di debutto stupefacenti, polemiche brucianti, storia dell’umanità … Leggi la nostra selezione dei migliori libri dal 2000″.

    La classifica ha messo inevitabilmente il quotidiano anglosassone al centro delle polemiche, come già era accaduto in seguito alla relativa classifica dei migliori film. Su cosa si basa la classifica? E’ possibile scegliere i libri migliori di questo periodo se si considera che, molti dei capolavori della storia della letteratura, sono stati apprezzati molto tempo dopo la loro pubblicazione? Insomma, ha davvero senso stilare una classifica del genere? Ognuno tragga le conclusioni che desidera, gli inglesi tanto lo fanno comunque.

    Wolf Hall di Hilary Mantel è il migliore romanzo del XXI secolo. La storia è quella di Thomas Cromwell, un conte che cerca di farsi strada alla corte di Enrico VIII Re d’Inghilterra. Il libro è il secondo di una trilogia la cui terza parte uscirà a Marzo. Grazie ai primi due volumi la Mantel è stata l’unica donna a vincere per due volte il Booker price.

    Gilead di Marilynne Robinson guadagna la seconda posizione. Romanzo ambientato negli anni cinquanta in America, si basa sulla lettera che un anziano e malato reverendo, John Ames, scrive a suo figlio, una sorta di testamento spirituale. Il romanzo è valso il premi Pulitzer alla Robinson.

    Tempo di seconda mano di Svetlana Alexievich chiude il podio. Vincitrice del premio Nobel, attraverso le testimonianze di attori sociali diversi l’Alexievich racconta la storia contemporanea della Russia in tutte le sue forme.

    “L’amica geniale” e “Sette brevi lezioni di fisica” i libri italiani

    Elsa Ferrante e Carlo Rovelli sono gli italiani che guadagnano un posto in classifica. La Ferrante si piazza addirittura davanti ad uno di quelli considerati tra i “maestri” dei nostri tempi, Philip Roth, che finisce al 12° posto. L’amica ritrovata, che ha avuto un enorme successo anche in tv con l’adattamento prodotto da HBO, Rai e Fandango, è la storia d’amicizia di due amiche che offre uno sguardo presciso sull’Italia di 40 anni fa. Così il The Guardian commenta il romanzo italiano:

    “Potentemente intima e spudoratamente domestica, la prima parte della serie napoletana della Ferrante la affermò come una sorpresa letteraria. Questo e i tre romanzi che sono seguiti hanno documentato come la misoginia e la violenza possano determinare la vita, così come la storia, dell’Italia alla fine del XX secolo.

    Forse meno pronosticabile la presenza di Rovelli, professore di fisica teorica dotato di una pregiata capacità divulgativa, in grado di semplificare le più capitali e complesse scoperte scientifiche del XX secolo.

    “Un fisico teorico apre una finestra sulle grandi domande dell’universo con questa panoramica di 96 pagine della fisica moderna. L’intuizione acuta di Rovelli e le suggestive metafore rendono questa la migliore introduzione ad argomenti complessi tra cui la relatività, la meccanica quantistica, la cosmologia, le particelle elementari ed l’entropia, al di fuori delle aule universitarie”

    Cliccate qui per la classifica completa