fbpx

    D&G, anche la modella dei video criticati chiede scusa

    Fotografia: Un'immagine di The Great Show (ANSA)

    Zuo Ye. E’ il nome di una modella asiatica il cui nome probabilmente non vi dirà nulla ma, due mesi fa, un video che la vedeva protagonista ha realizzato un record di visualizzazioni e di critiche in Cina.

    In una campagna social ideata da Dolce & Gabbana per ‘The Great Show’ – una sfilata, inizialmente programmata e poi annullata, all’Expo Centre di Pudong di Shangai, lo scorso novembre – la ragazza interpretava una donna cinese che cercava di mangiare – in maniera goffa – piatti tipici italiani con le bacchette mentre una voce fuori campo la consigliava, facendo commenti ritenuti sessisti e irrispettosi verso la cultura cinese.

    Due mesi dopo, la protagonista delle videoclip, ha rotto il silenzio, affidando ai social media il suo profondo pentimento. “Mi sento molto colpevole e mi vergogno –  scrive la giovane modella neolaureata sul suo account Weibo, il Twitter locale dal quale si scatenò lo tsunami mediatico contro la maison italiana – Personalmente non avrei mai mostrato disprezzo verso la mia patria. La amo e provo orgoglio rappresentandola in passerella. Farò tesoro della lezione e mostrerò la Cina in una luce migliore. Di nuovo, mi scuso coi miei connazionali.

    Zuo Ye, non essendo un personaggio pubblico, ha spiegato di aver atteso in silenzio prima di intervenire, ammettendo che invece di far decollare la carriera, l’episodio l’aveva “quasi del tutto rovinata. Racconta inoltre che nei giorni precedenti le riprese le era stato descritto che si voleva girare un video divertente e che aveva seguito le indicazioni della troupe. La modella racconta di aver fatto obiezioni sull’uso delle bacchette per mangiare la pizza, manifestando disagio, ma le era stato detto di “fare uno sforzo”. E poi, come “modella comune”, non aveva alcun diritto di vedere il lavoro finito o di fornire indicazioni sui contenuti.

    Potrebbe piacerti anche

    Burberry, stop alla distruzione dei “vecchi” capi

    Bruciare i prodotti invenduti per tutelare la “proprietà intellettuale” del brand, evitando contraffazione o ....

    La moda punta al green e al cruelty free

    Quaranta brand di fashion hanno firmato la Carta per la Moda Sostenibile, un documento ....

    Felice anno nuovo

    Buon 2019 ai nostri lettori dalla redazione di Maxim Italia!