Dazi Usa su auto: pronta rappresaglia Ue da 300mld $

Fotografia: Ue pronta a rispondere ai dazi Usa (Shutterstock)

Dopo la dura presa di posizione di General Motors, Harley-Davidson, Toyota, Daimler e del Governo giapponese sulla possibilità che gli Usa impongano dazi commerciali sulle auto europee, arrivano indiscrezioni su una possibile risposta dal vecchio continente.

Se gli Usa faranno scattare dazi del 25% sulle auto europee, potrebbe scattare da parte Ue una rappresaglia commerciale del volume di circa 300 miliardi di dollari. E’ quanto riporta il ‘Finacial Times’, citando un documento inviato dalla Commissione Ue al Dipartimento Usa del commercio. Anche se Bruxelles, si sottolinea nel rapporto, non ha ancora preparato una lista di contromisure ai potenziali dazi americani sulle auto, è “verosimile” che saranno applicati controdazi europei a “un volume commerciale significativo di 294 miliardi di dollari complessivi pari al 19% delle esportazioni Usa del 2017, e “attraverso diversi settori dell’economia Usa”.

La cifra effettiva delle contromisure potrebbe essere inizialmente inferiore – come già avvenuto per acciaio e alluminio -, prendendo di mira solo una parte dei dazi Usa.

Le importazioni auto dall’Ue non minacciano o diminuiscono il benessere dell’industria ed economia Usa”, anche perché, sottolinea il rapporto inviato da Bruxelles a Washington, “l’industria Ue e Usa sono specializzate in segmenti di mercato ampiamente differenti e negli ultimi 5 anni le importazioni dall’Ue sono state stabili e correlate alla crescita generale del Pil Usa“.

Non solo. Al contrario, i produttori auto Ue “contribuiscono in modo significativo al welfare e all’occupazione Usa con 120mila posti di lavoro diretti negli impianti manifatturieri e altri 420mila posti di lavoro con i fornitori, e restrizioni commerciali è verosimile che portino a costi di produzione più alti per i costruttori basati negli Usa, quindi negli effetti una tassa sulla popolazione americana“. Di conseguenza, “non c’è nessuna minaccia alla sicurezza nazionale da parte delle importazioni auto e di pezzi di ricambio, misure commerciali restrittive sarebbero contrarie alle regole internazionali“.

A questo danno diretto all’economia americana da 13-14 miliardi di dollari di pil Usa, si aggiungerebbero poi le contromisure Ue, con un volume molto significativo di esportazioni Usa colpite, stimata a 294 miliardi di dollari o attorno al 19% delle esportazioni totali Usa del 2017. La Commissione Ue ha quindi chiesto di poter partecipare alle audizioni pubbliche che terrà il Dipartimento del commercio Usa in programma il 19 e il 20 luglio a Washington.

Potrebbe piacerti anche

Boom dell’import italiano di tartufo negli Usa

Il tartufo è uno tra i cibi più pregiati e al tempo stesso più ....

Pagamenti: 3 italiani su 4 preferiscono la ‘carta’

Carte o contanti? Da tempo si discute della riduzione del contante in circolazione a ....

Acquisti: gli italiani scoprono l’e-commerce

Le vendite online un fenomeno mondiale. Amazon ha da poco comunicato di avere oltre ....