fbpx

    Costa e Gassmann, non abbattere l’orso del Trentino

    Fotografia: Ansa
    Orso
    Stanno arrivando tanti appelli per salvare la vita all’orso che ha ferito padre e figlio sul Monte Peller, in valle di Non in Trentino, “condannato” da un’ordinanza per l’abbattimento, emessa del presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti.

    Anche il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, è intervenuto nella questione dicendo di voler impugnare il provvedimento, dispensando anche parole di solidarietà per padre e figlio feriti: “Ho appreso con dispiacere del recente ferimento di due persone ad opera di un orso bruno nel territorio del Comune di Cles e al riguardo esprimo loro, così come a tutta la comunità locale, tutta la mia comprensione e vicinanza”. Riguardo all’orso il ministro commenta: «comprendo la preoccupazione della cittadinanza, ma ritengo necessario ricostruire bene l’accaduto attraverso una dettagliata relazione tecnica che, sicuramente il personale del Corpo forestale provinciale starà predisponendo, considerato anche che questi episodi sono estremamente rari in Italia. È, quindi, opportuno che si individui con estrema certezza l’esemplare coinvolto nella vicenda in quanto, se responsabile dell’aggressione fosse una femmina con cuccioli, si potrebbe fornire una plausibile interpretazione etologica dell’episodio: un’orsa che cerca di allontanare una minaccia per i propri cuccioli, se spaventata, potrebbe reagire con naturale aggressività. È un atteggiamento -aggiunge il Ministro – insito in qualsiasi specie animale quello di difendere la prole nel proprio habitat. Solo dopo aver raccolto informazioni scientifiche certe sull’animale coinvolto nell’incidente ai due cittadini si potranno valutare soluzioni tecniche che, a mio parere, non devono tradursi nell’abbattimento. Mi sento di esprimerti, pertanto, la mia contrarietà alla parte dell’ordinanza che hai emanato ieri, a ventiquattro ore dall’accaduto, dove si invita il personale alle tue dipendenze a monitorare l’area, raccogliere elementi sull’individuo e ad ucciderlo, perché la ritengo una decisione impulsiva che non favorisce un’analisi degli elementi di contesto e aggrava lo scontro pubblico, già non semplice da gestire, sulla convivenza tra uomo e fauna selvatica negli ambienti alpini». «Stiamo valutando – spiega Costa – i presupposti giuridici per una eventuale impugnazione dell’ordinanza».

    Intanto la polemica divampa anche sui social, e l’attore Alessandro Gassman commenta così l’ordinanza: “Noi siamo circa 60 milioni, gli orsi in Trentino circa 80, gli abbiamo invaso ogni spazio, depredato, cementificato, disboscato, sversato, bruciato, e ora ne abbattete uno con prole perché sostenete sia pericoloso?! Siete degli incapaci e dovete vergognarvi».