fbpx

    CINEVIRUS/Salta “007”, rinviato da aprile a novembre

    Fotografia: "no time to die" (universal pictures, UPImedia)

    Il terremoto nel settore “theatrical” del cinema, dovuto anche agli eventi epidemici del periodo, fa saltare, per ora,  pure il venticinquesimo film della serie “007”, cioè No Time To Die. La situazione ha appunto indotto la Universal, la MGM e i produttori ad emettere il seguente comunicato: “MGM e i produttori di Universal e Bond, Michael G Wilson e Barbara Broccoli, hanno annunciato che, dopo un’attenta valutazione del mercato cinematografico globale, l’uscita di No Time To Die viene rinviata a novembre 2020. Il film sarà distribuito nel Regno Unito il 12 novembre 2020 con le date di uscita in tutto il mondo a seguire, compreso il lancio negli Stati Uniti il ​​25 novembre”.

    Rinviato dunque uno dei film più attesi della stagione: le riprese, dirette dal regista Cary Joji Fukunaga, erano incominciate nell’aprile scorso con base nei Pinewood Studios nel Regno Unito e si è suddivisa fra diverse location come Londra, l’Italia (com’è noto a Matera), la Giamaica e la Norvegia. La vicenda racconta di Bond il quale, abbandonati gli impegni in prima linea, si gode una tranquilla vita in Giamaica. La sua pace ha vita breve dopo che il vecchio amico Felix Leiter della CIA si palesa con una richiesta d’aiuto. La nuova missione ha l’obiettivo di recuperare uno scienziato rapito e si rivela molto più complessa di quanto atteso: Bond sarà messo alla prova da un misterioso nemico dotato di una nuova arma tecnologica.

    Per vedere tutto questo, comunque, bisognerà aspettare novembre prossimo. L’attesa (ri)comincia. Tra i nomi in evidenza nel cast, oltre Daniel Craig protagonista, citiamo Rami Malek, Ralph Fiennes, Naomie Harris, Rory Kinnear, Léa Seydoux, Ben Whishaw.