Cinema: gli incassi scendono, Jurassic Park no

Fotografia: Dinosauri in vetta al box office (Michael Gordon / Shutterstock.com)

Sono tornati e non vogliono abbandonare la Terra, almeno quella cinematografica. I dinosauri di Jurassic World – Il regno distrutto sono sempre in cima al box office italiano nonostante gli incassi dimezzati al cinema: 1 milione 954 mila euro, in calo del 47,36% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e del 30% rispetto alla scorsa settimana.

Il quarto capitolo della serie cinematografica di Jurassic Park con Chris Pratt, Bryce Dallas Howard e Jeff Goldblum, guadagna 460 mila euro per un totale di 9 milioni 307 mila in 4 settimane. Al secondo posto tiene l’horror americano Obbligo o verità di Jeff Wadlow che mette via altri 376 mila euro (1 milione 555 mila in 15 giorni) e vanta la migliore media della top ten: 1180 euro su 319 sale.

Seguono una serie di “debuttanti”: al terzo posto Papillon che incassa 256 mila nel fine settimana e 298 mila in 5 giorni. Quarto Il Sacrificio del Cervo Sacro di Yorgos Lanthimos con Colin Farrell e Nicole Kidman con 174 mila euro, quinto Hurricane – Allerta uragano con 131 mila (154 mila in 5 giorni).

Scivola dal podio al sesto posto la commedia francese Sposami, stupido! di e con Tarek Boudali: l’incasso è 62 mila euro per un totale di 268 mila.

Ottavo Solo: A Star Wars Story, secondo film della serie Star Wars Anthology, che mette via ancora 40 mila euro per arrivare a un incasso totale di 4 milioni 393 mila in 6 settimane. In nona posizione esordisce Tully di Jason Reitman con Charlize Theron con 30 mila euro di incasso.

 

Potrebbe piacerti anche

Avengers frantuma tutti i record al box office

Festa grande in casa Disney/Marvel. Dopo lo straordinario successo di Black Panther – terzo ....

Le Vibrazioni alla Settimana Veratour

E’ stata presentata la quinta edizione della settimana speciale Veratour, evento musicale, organizzato in ....

‘Sposami stupido’: immigrati, matrimoni gay e tanti equivoci

Immaginate di essere uno studente immigrato regolare che, da un momento all’altro, si ritrova ....