fbpx

    Cina: l’assurdo polo museale di Zaha Hadid Architects

    Fotografia: Virgile Simon Bertrand
    A Changsha, in Cina, lo studio d’architettura fondato dalla compianta celebre designer Zaha Hadid ha progettato un un complesso artistico e culturale unico al mondo. Ecco tutte le informazioni e le immagini del nuovo Meixihu International Culture and Art Center by Zaha Hadid Architects.

     

    A vederlo, la prima cosa che salterebbe in mente sarebbe una sorta di  inconsapevole viaggio nel tempo: destinazione futuro, ovviamente.

    Il progetto portato a termine dagli architetti e designer del famosissimo studio Zaha Hadid Archtitects appare come una sinuosa, minimale e fantascientifica proiezione di ciò che sarà il mondo tra qualche anno.

    Un assaggio – per così dire – di un vago ed elegante avvenire.

    Il nuovo centro culturale e artistico di Zaha Hadid Architects sorge nella città di Changsha – in Cina – e comprende un museo di arte contemporanea (MICA), un teatro da 1.800 posti, con annesse strutture di supporto, e una grande sala polivalente.

    Il suo linguaggio architettonico organico è arricchito da svariati percorsi pedonali, che si intrecciano e si intersecano attraverso tutto il sito, per connettersi agevolmente alle strade adiacenti, nonché alla Linea 2 della metro cittadina. 

    Il Changsha Meixihu International Culture and Art Center, portato a termine quest’anno, risulta essere il più grande e versatile centro culturale della provincia cinese dello Hunan.

    Questo incredibile e futuristico polo museale è frutto del lavoro di un grande team di architetti e designer.

    Il progetto iniziale, tuttavia, è scaturito dalla mente geniale della architetta e designer di origine irachena Zaha Hadid (venuta a mancare nel 2016) e dal suo collaboratore Patrick Schumacher; mentre i direttori del progetto sono Woody Yao e Simon Yu.

     

    Guarda il Video del progetto: 

    La struttura

    L’enorme plesso all’avanguardia è diviso in tre strutture che fanno capo ad altrettante istituzioni.

    Progettato per la più ampia varietà di arti performative, il Gran Teatro offre ogni comfort: dalle stanze scolpite ad arte, con bar e sale d’attesa, alle suite ospitali e lussuose.

    Qui sono situate anche strutture necessarie per il teatro, come: uffici amministrativi, studios per le prove, le quinte teatrali, guardaroba e camerini.

    Con ben otto gallerie espositive, per un totale di 10.000 m², il Museo d’arte (MICA) include anche spazi dedicati ai workshop, letture di gruppo, caffè e shop del museo.

    Infine, il Piccolo Teatro – dove “piccolo” si fa per dire – è caratterizzato da una certa flessibilità. La sua sala polifunzionale, con una capacità di 500 posti, può essere adattata a molteplici configurazioni: concerti, sfilate di moda, musical, opere teatrali o, perfino, banchetti ed eventi commerciali.

    Dunque, con un imponente totale di 115.000 m², queste tre istituzioni civiche coesistono e consentono all’intera struttura di essere sempre in attività, dalla mattina alla sera.

    Offrendo viste sull’adiacente lago Meixi dalla città e dando accesso ai parchi e ai sentieri naturali, il nuovo polo mussale di Zaha Hadid Architects è un giusto e straordinario compromesso tra evoluzione e radici, tra tecnologia e ambiente, tra passato, presente e futuro.

    Beh, dato che un’immagine vale più di mille parole, chiudiamo questo articolo regalandovi le incredibili immagini del nuovo Changsha Meixihu International Culture and Art Center.

     

    Sfoglia la Gallery: