fbpx

    Carlotta Maggiorana: pronta al grande salto nel cinema

     

    di Massimiliano Curti

    Carlotta Maggiorana è più di una ‘semplice’ bellezza. La corona di Miss Italia 2018 potrebbe lanciarla definitivamente nel mondo dello spettacolo, e in primis in quello del cinema, ricalcando così le orme di illustri colleghe ‘regine’ come Lucia Bosé, Anna Kanakis, Federica Moro, Martina Colombari, Anna Valle, Francesca Chillemi e Miriam Leone.

    La 27enne marchigiana di Montegiorgio, trasferitasi a Roma nel 2002 per frequentare l’Accademia Nazionale di danza, ha già una discreta esperienza sul grande schermo, avendo lavorato con registi del calibro di Malick, Lando e Pieraccioni. “In passato ho avuto la fortuna di lavorare con grandi professionisti; sono state esperienze straordinarie e, anche se ero più giovane, conservo per ognuna dei bellissimi ricordi – spiega Carlotta Maggiorana – Il vero trampolino di lancio per la mia carriera, però, è stata la partecipazione a Miss Italia. Dopo l’incoronazione sono cominciate ad arrivare diverse proposte di lavoro ma nessun copione è stato abbastanza accattivante. Fino ad ora. Proprio in questi giorni, infatti, sto valutando un importante progetto per il cinema con un cast stellare; le riprese dovrebbero iniziare nei prossimi mesi. Purtroppo, non posso dire di più”.

    Il cinema, oltre ad essere una sua passione, è una fonte di ispirazione. Per questo ha subito in mente un’attrice italiana e una straniera a cui si sente affine: “Tra le interpreti italiane, senza dubbio Virna Lisi. Marchigiana come me, è riuscita a portare l’immagine dell’Italia e della nostra regione nel mondo, legandola al suo straordinario fascino. Era una grande professionista ma soprattutto una donna libera. Guardando oltreoceano, invece, Meryl Streep. Quando debuttò nel cinema nel 1977 aveva più o meno la mia età e qualche anno dopo era già nell’olimpo delle attrici di Hollywood. Insomma, ben difficile raggiungere i suoi traguardi ma è sicuramente il mio faro. Guardo a lei e all’intensità che mette in ogni personaggio femminile che interpreta”.

    Idee chiare anche sul regista regista con cui le piacerebbe lavorare, italiano o straniero: “Paolo Sorrentino è un ‘pazzo’ visionario, ha segnato il modo nuovo di fare cinema nel nostro Paese. Nei suoi film ritrovo citazioni dei più celebri registi del passato, come Fellini, Pasolini, De Sica. Nonostante questo, ha uno stile unico. Le bellissime inquadrature restituiscono il fascino della narrazione e le tensioni dei personaggi con il proprio vissuto. Secondo me, girare un film con Sorrentino è come affrontare un viaggio dentro se stessi. Un’esperienza che incuriosisce ma spaventa. E alla fine ne esci cambiato. Sarebbe una bella sfida da vivere. Chissà”.

    Si parla di cinema ‘al femminile’ ed è inevitabile citare il Movimento Me Too: “Ha certamente rappresentato uno spartiacque importante in una società dove la cultura maschilista è ancora dominante. Da quando, però, sull’onda dello scandalo Weinstein, le donne si sono unite in un movimento, è iniziata una caccia alle streghe per cui anche un occhiolino sornione viene scambiato per molestia. Come in ogni situazione, bisognerebbe evitare facili strumentalizzazioni. La vera rivoluzione sarebbe quella di educare gli uomini a non considerare la molestia come un normale approccio all’altro sesso e le donne a non temere di essere giudicate per le loro scelte, sia se vogliono spogliarsi sia se vogliono rimanere vestite. Se mi sono mai giunte delle avances troppo espicite? A me non è mai capitato, forse avere un compagno ti mette al riparo da certi atteggiamenti ambigui ma, nel caso, saprei come comportarmi. Una cosa è certa: non amo i compromessi”.

    Carlotta Maggiorana, che ha appena finito di girare uno spot insieme a Gerry Scotti per una nota linea di patatine, è sposata con l’imprenditore Emiliano Pierantoni e ha in cantiere di allargare la famiglia: “Ho un forte desiderio di maternità e, tra le mie aspirazioni, c’è sicuramente quella di avere un figlio. Mi auguro avvenga al più presto. Mia figlia a Miss Italia? E perché no?  Ma in generale, sia che fosse femmina o maschio, sosterrei ogni sua scelta. E’ quello che fanno i genitori”.

    Non si può non chiedere a Miss Italia cosa significhi, dal suo punto di vista, la seduzione: “E’ avere personalità. Una donna sicura, anche in assenza di un’estetica gradevole, risulta più attraente rispetto ad un’altra che invece è ancora alla ricerca del senso della vita. E’ il coraggio di essere se stesse che esercita un grande fascino sugli altri. Se poi ci aggiungi talento e intelligenza, per gli uomini diventa un mix letale!”.