Bottura contro sprechi e povertà

Fotografia: Massimo Bottura (ANSA)

‘Food for soul’ – cibo per l’anima – è il progetto dello chef Massimo Bottura, presentato in questi giorni a Bruxelles, per combattere lo spreco alimentare attraverso l’inclusione sociale. Bottura – chef e proprietario della Osteria Francescana a Modema, premiata con tre stelle Michelin e primo ristorante al mondo ad essere inserito nella lista dei Bottura, uno chef contro sprechi e povertà The World’s 50 Best Restaurants Awards 2016 – ha riqualificato diverse strutture abbandonate in alcune famose metropoli (Parigi, Londra, Rio de Janeiro e Milano), destinandole a mense per poveri, dove vengono recuperate le eccedenze alimentari per dare pasti gratuiti ai senzatetto. “I nostri refettori tengono sempre le porte aperte – ha spiegato lo chef – in un momento in cui tutti alzano muri, noi li abbattiamo. Io tengo la porta dell’inaspettato sempre aperta e ci entro tutte le volte. Il prossimo refettorio? Sarà a Napoli“. Bottura ha anche parlato di tradizione: “Non possiamo perdere quello che ci hanno lasciato i nostri nonni e le nostre nonne ma non possiamo tornare a quella cucina lì. Dobbiamo guardare al passato in chiave critica, non nostalgica. Portare il meglio del passato nel futuro. Non è facile, perché la nostalgia soprattutto per gli italiani è qualcosa di fortissimo“.

  • Mostra Commenti

L indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Potrebbe piacerti anche

Guerra fra chef stellati per lo ‘Jules Verne’

Jules Verne, autore di romanzi ambientati nell’aria, nel profondo dei mari, nello spazio, nel ....

Vino, Sicilia quarto produttore italiano

In attesa di “Sicilia en Primeur”, l’annuale anteprima dei vini della Trinacria organizzata da ....

Gelato, tutto l’anno per tutti i gusti

L’Italia è una superpotenza nel settore del gelato con un mercato da 2 miliardi di ....