fbpx

    Bologna, al MAMbo si misurano le emozioni dell’arte

    Fotografia: shutterstock
    Al Museo di Arte Moderna di Bologna, termocamere rivelano le sensazioni del pubblico: un esperimento partecipato per misurare le emozioni scaturite dalle opere d’arte

     

    Martedì 30 luglio 2019 il MAMbo apre le porte ad una sperimentazione che combina l’innovazione tecnologica con l’arte nell’ambito del progetto H2020 ROCK – Regeneration and Optimisation of Cultural heritage in creative and Knowledge cities, che si prefigge l’obiettivo di supportare la rigenerazione dei centri storici attraverso il patrimonio culturale come motore di sviluppo sostenibile e di crescita economica.

    Durante l’evento speciale, collegato alla mostra di Julian Charrière – All We Ever Wanted Was Everything and Everywhere i visitatori saranno parte integrante dell’installazione artistica attraverso la mappatura delle loro reazioni emozionali suscitate dalle opere dell’artista.

    La tecnologia, fornita e progettata dall’Università Tecnica di Vilnius – partner del progetto ROCK – utilizzerà delle termo-camere capaci di rilevare le sensazioni del pubblico in un processo di “sentiment analysis”. Si tratta di un’azione sperimentale tesa a comprendere la capacità del patrimonio culturale di essere apprezzato e percepito dagli spettatori acquisendo dati relativi al gradimento e agli stati d’animo suscitati nel corso della visita.

    L’evento è realizzato all’interno di U-Lab, laboratorio di pratiche partecipative, che per la prima volta supera i confini della zona universitaria per contaminare nuove aree della città e si svolge nell’ambito del Progetto ROCK (Regeneration and Optimisation of Cultural heritage in creative and Knowledge cities) finanziato dal programma per la ricerca e l’innovazione Horizon 2020 dell’Unione Europea.

    Un esperimento sicuramente insolito e suggestivo quello di misurare i parametri e le reazioni collegate all’emozione che suscita un’opera d’arte: è un guardare in faccia l’arte e scoprirne i diversi punti di vista.