fbpx

    Bill Murray salta la conferenza: “è ancora in pigiama”

    Fotografia: Valeria Comerci e Raffaele Marino
    Bill Murray non si smentisce neanche questa volta. L’attore comico statunitense non si presenta in tempo per la conferenza stampa nelle sale dell’Auditorium, lasciando fan impazienti e stampa in un’estenuante attesa. 

    Ci siamo! il mitico Bill Murray ne combina un’altra delle sue.

    L’attore comico statunitense era atteso nella sala Petrassi dell’Auditorium Parco della Musica per un incontro (dedicato solo alla stampa) previsto per le 13:30.

    Non senza imbarazzo il direttore artistico della Festa del Cinema di Roma, Antonio Monda, si è scusato con tutti, avanzando delle parole tanto vere quanto comiche:

    “Mi spiace è ancora in pigiama in albergo e dunque per ora non può venire, vi faremo sapere quando verrà spostato”. 

    Bill Murray si è presentato, tuttavia, in tempo per l’incontro successivo (in sala Sinopoli), sorridente, felice e soprattutto… sveglio.

    Alla sua passeggiata sul Red Carpet la folla è andata in totale delirio. Tra i fan sfegatati c’era anche chi per l’occasione ha deciso di travestirsi da Ghostbusters, per omaggiare uno dei ruoli storici dell’attore e, magari, per provare a ricevere un simpatico saluto.

    L’evento più atteso di oggi quindi, nonostante l’importante sonnolenza di Murray, si è tenuto.

    Nell’incontro delle 17:30, Bill Murray ha ricevuto il Premio alla Carriera da un fenomenale nome del cinema, un nome che è stato scelto non a caso: Wes Anderson.

    Non a caso perché il candidato al premio Oscar per Lost in Translation di Sofia Coppola è un attore feticcio del grandissimo regista americano.

    Sono tanti i film in cui i due hanno collaborato, ottenendo un grande successo: da Rushmore al capolavoro Grand Budapest Hotel, passando per I Tenenbaum, Le avventure acquatiche di Steve Zissou, Il treno per il Darjeeling e Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore. 

    Insomma, Bill Murray ne ha combinate un’altra delle sue. Ma è proprio per questo, d’altronde, che tutti lo amano; oltre ovviamente per la sua lunghissima e prolifica carriera, che oggi meritatamente è stata coronata da un prestigioso premio.