fbpx

    Apple: stop alle app per le criptovalute

    Fotografia: Primakov / Shutterstock.com

    Quando c’è incertezza sui mercati si cercano beni rifugio. Per alcuni, uno di questi potrebbero essere le valute digitali – che stanno attirando investitori – ma il problema del settore è quello della mancanza di regole, come rilevato anche durante l’ultimo G7.

    In questo clima, Apple mette al bando le applicazioni per il ‘mining’, cioè per la produzione delle criptovalute, su iPhone, computer Mac e altri dispositivi della Mela. Con l’aggiornamento delle linee guida, la società stabilisce che le uniche applicazioni accettate per produrre bitcoin e altre valute digitali sono quelle che lo fanno fuori dai dispositivi, ad esempio nel cloud.

    Le nuove regole non vietano la presenza di app che fungono da ‘portafoglio elettronico’ delle criptovalute, purché offerte da sviluppatori iscritti come organizzazioni. Le app possono facilitare le transazioni e le trasmissioni di moneta virtuale su piattaforme di scambio approvate. Inoltre le applicazioni che facilitano l’initial coin offering, cioè il sistema con cui le startup raccolgono fondi distribuendo monete virtuali, devono provenire da banche o altre istituzioni finanziarie approvate.

    Infine, le app di criptovalute non possono offrire agli utenti monete virtuali in cambio di attività come il download di altre app, il download di app da parte di altri utenti o la pubblicazione di post sui social.

    Potrebbe piacerti anche

    Smartphone, in futuro batterie per 7 giorni di carica

    Quante volte vi siete trovati con la batteria dello smartphone scarico, nell’impossibilità di ricaricare ....

    Sony torna al vinile (con Billy Joel)

    È trascorso quasi un trentennio da quando la Sony ha detto addio alla produzione ....

    Amazon lancia ‘Prime reading’ in Italia

    I milioni di abbonati italiani ad Amazon Prime, il servizio di consegna veloce della ....