fbpx

    Apollo 13: la NASA ricrea lo storico viaggio in 4K

     
    Alle soglie del 50esimo anniversario della celebre missione Apollo 13, la NASA ha ricostruito in 4K quello che gli astronauti videro nel loro pericolosissimo viaggio intorno alla Luna, prima di ritornare sulla Terra. 

     

    Erano le ore 13:13 dell’11 aprile 1970 quando la terza missione del programma Apollo prese il via con il lancio del modulo di servizio verso il nostro antico, ma da poco sfiorato, satellite: la Luna.

    L’equipaggio era composto dal comandante James Arthur Lovell e i due piloti Fred Wallace HaiseJohn Leonard Swigert.

    La missione – in linea con quelle del programma Apollo – aveva l’obiettivo dell’allunaggio.

    56 ore dopo il lancio, però, proprio la voce di Swigert recitò la frase poi passata alla storia: “Okay, Houston, we’ve had a problem here”. 

    E che problema!

    Un’esplosione nel modulo di servizio danneggiò seriamente molti equipaggiamenti, riducendo notevolmente la disponibilità di energia elettrica e di ossigeno.

    Con il modulo di servizio  gravemente danneggiato, i tre astronauti furono costretti a trasferirsi nel modulo lunare “Aquarius”, dovendolo utilizzare come navicella per il ritorno sulla Terra, anziché come mezzo per atterrare sulla Luna (per il quale era stato progettato).

    La situazione era drastica: un po’ come attraversare l’oceano… su una barca a remi.

    Il piccolo ma salvifico modulo lunare Apollo o LEM (Lunar Excursion Module).

     

    Tuttavia, sfruttando una traiettoria di rientro libero attorno alla Luna, Aquarius volò a una distanza di 254 chilometri dalla superficie della “Dark Side of the Moon” (citazione inevitabile qui).

    I tre stabilirono così il record, ancora imbattuto, della massima distanza raggiunta da un essere umano dalla Terra: 400.171 km.

    Dopo avere affrontato numerose difficoltà ed un viaggio di ritorno di quattro giorni – tra freddo, paura e scomodità – la navicella rientrò sulla Terra il 17 aprile.

    La missione non ebbe successo, ovviamente, ma servì per dimostrare la capacità da parte della NASA di affrontare situazioni di crisi imprevedibili, portando in salvo tutto l’equipaggio.

    Oggi, a quasi 50 anni da quella missione al cardiopalma, grazie alla telecamera ad altissima risoluzione del Lunar Reconnaissance Orbiter, la NASA è riuscita a ricostruire quello che i tre astronauti videro nel loro pericoloso viaggio intorno al lato opposto della Luna.

     

    Ecco il video in 4K: