fbpx

    Andrea Casta, The Space Violin Project

    Fotografia: Andrea Casta ai Dance Music Award

    di Massimiliano Curti

    Virtuoso, geniale, autentico globe trotter internazionale: Andrea Casta è diventato, negli ultimi anni, un’eccellenza del Made in Italy grazie al suo violino elettrico, reso inconfondibile dal suo archetto luminoso, facendosi apprezzare in tutto il mondo.

    Bresciano di nascita ma cosmopolita per vocazione, il musicista, cantante ed entertainer è ormai un ‘nome’, avendo calcato i palchi di venti nazioni nei tour sempre ‘sold out’: dagli Emirati Arabi al  Medio Oriente sino alle ex repubbliche sovietiche, da Singapore agli Stati Uniti, passando da Messico e Turchia sino alla Grecia, esplorando con le sue performance Mauritius e Seychelles, Egitto e Spagna, sino a Croazia, Repubblica Ceca e Romania, ha contribuito allo sviluppo e alla consacrazione della musica elettronica (House, Techno, Edm, Lounge e Deep).

    Mi considero molto fortunato, ho fatto di una passione il mio lavoro – sottolinea Andrea CastaCon il violino riesco ad esprimere la mia anima ed ho amato questo strumento sin da piccolissimo. Entrato al conservatorio, ho poi studiato pianoforte e canto e, da adolescente, ho iniziato ad apprezzare, oltre alla musica classica, anche il pop ed il rock. La mia formazione di artista si è arricchita con il musical, il teatro e la tv ma non si è certo completata, perché nella vita non si smette mai di crescere e di imparare“. Dopo l’esordio nel cast dell’edizione del 2012 di ‘Domenica In’, il musicista lombardo è stato tra i protagonisti della prima tournee italiana del musical ‘Fame-Saranno Famosi’, presentando in seguito programmi tv su Raidue, Raisat e Sky. Nel 2012 ha pubblicato il suo primo album solista, “Room 80”, dodici tracce degli anni ’80 riarrangiate e prodotte dall’ex Matia Bazar Sergio Cossu.

    “The Space Violin Project” è il lavoro di tutta una vita artistica: “Si tratta di un racconto sonoro che unisce fantascienza e musica attraverso 12 tracce di musica elettronica dance e altrettanti episodi avventurosi, con dei videoclip-episodi realizzati con un linguaggio nuovo, contaminato tra illustrazioni e immagini reali“. Tre i brani lanciati da questo progetto: “Double Sun”, “Black Hole Tale” e “Warp 6”. Il quarto, come svela ai lettori di Maxim Italia, è prossimo alla pubblicazione, attesa nel mese di aprile: “La canzone si intitola ‘The River’ ed è nata tra Roma, Berlino e Montreal. La produzione è firmata da Lorenzo Benassi, in arte JØD, ed è cantata dalla giovane interprete canadese Klory Starling“. Un altro successo annunciato per Andrea Casta, che nel frattempo ha fatto incetta di premi, come quello di ‘Best Performer 2017’ dei Dance Music Awards (unico riconoscimento italiano destinato alla musica dance nella sua settima edizione) e “Il Sognatore”, patrocinato dal Comune di Napoli.

    Nel suo futuro più immediato c’è anche la ‘conquista’ di una terra che ama particolarmente, la Sicilia, dove è già stato protagonista a Milazzo di un concerto-evento tra i più apprezzati, e la volontà di proseguire nel coinvolgere le nuove generazioni, attraverso i social, al suo strumento, il violino: “Ho tanti ragazzi che mi seguono e con cui sono costantemente in contatto. Ho 82mila  followers su e  23mila su  Facebook, inoltre le tracce di ‘The Space Violin’ hanno già raggiunto più di 500mila ascolti su Spotify“. Una vera forza della natura.