Al Fuori Salone tra moda e design

 

Di fronte al calendario di Milano Moda Design, la manifestazione coordinata dalla Camera della Moda che fino al 22 aprile presenterà 37 brand in oltre 60 appuntamenti, viene da chiedersi se si tratta della settimana del mobile o della moda.

Come sempre, al calendario ufficiale si aggiungono una serie di appuntamenti off, per un totale da perdere il conto. Presenteranno le loro nuove collezioni casa grandi marchi come Armani, Borbonese, Bottega Veneta, Diesel, Etro, Fendi, Roberto Cavalli, Missoni, Trussardi e Versace. Tanti brand metteranno in mostra il frutto delle loro collaborazioni con il mondo del design, come Louis Vuitton che ospitera’ ‘Objets Nomades’, oggetti legati al viaggio nati dall’incontro con progettisti come Patricia Urquiola, Valentino insieme a Nilufar, Alberto Guardiani con la marchigiana Terrartigiana, Agnona che vestirà le poltrone di Giorgetti di cashmere e shearling, Pal Zileri che si è alleata con Rubelli per la ‘Tadzio’ collection, Dolce e Gabbana con Smeg per i piccoli elettrodomestici decorati con motivi siciliani; Salvatore Ferragamo con Molteni&C per Outside/Inside, un’installazione che accoglie le sedute della Silkroad Collection, opera del designer Alan Chan, all’interno delle due boutique in via Montenapoleone.

E poi tanta arte: Kiton apre le porte del suo palazzo di via Pontaccio per la mostra The elegant man, con quadri di Van Dyck e Boldini; il negozio Pinko ospita ‘Hanging Garden’, un’installazione ambientale in cui piante di diverse dimensioni invadono lo spazio espositivo, appese al soffitto in sacchetti-vaso di plastica trasparente; Missoni presenta ‘Blowing in the wind’ di Rachel Hayes; Maryling ospita Anna Godeassi; Les Copains organizza la collettiva ‘freestyle’. Melissa collabora con il collettivo artistico NONE per l’installazione The Brilliant Side of Us che, grazie ad una scenografia riflettente e irregolare, genererà un paesaggio iridescente, mentre Cos porterà un’installazione site-specific su larga scala realizzata dall’artista americano Phillip K. Smith III all’interno del seicentesco Palazzo Isimbardi.

Se Patrizia Pepe invita a scoprire Raw-less, progetto di art-design sulla ceramica d’autore, Brioni si allea con Hisao Hanafusa all’insegna del design sostenibile e Martino Midali ospita i ‘Pensieri in metallo’ di paolo Mezzadri. Paul&Shark porta invece in vetrina, in Via Montenapoleone 16, l’artista sarda Annarita Serra, che realizzerà un’opera live con i rifiuti che lei stessa raccoglie ripulendo le spiagge della Sardegna.

Al Salone del Mobile debutta anche la Badgley Mischka Home, la collezione di arredo e design firmata da Mark Badgley e James Mischka che, per l’occasione, hanno realizzato Senso, una luxury bike con particolari in foglia d’oro e Swarovski. Lusso estremo come quello della collezione Zegna di accessori, oggetti per lo svago e prodotti per la casa in Pelle Tessuta. E poi i negozi, dal pop up di Zara con realtà aumentata al primo flagship store italiano di Balmain.

 

  • Mostra Commenti

L indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Potrebbe piacerti anche

L’autore del bacio Di Maio-Salvini firma una linea di sneakers

Tvboy, street artist di origine palermitana, barcellonese d’adozione, noto per Amor Populi, il murales ....

Kris Van Assche, direttore artistico di Berluti

Kris Van Assche è il nuovo direttore artistico della maison Berluti griffe del Gruppo ....

Una Nuvola per la Lavazza

Taglio del nastro per la ‘Nuvola’, nuovo centro polifunzionale della Lavazza, azienda che da ....