Adolescenti a caccia di giga e selfie pericolosi

Fotografia: Adolescenti non staccano dal web (Shutterstock)

Gli adolescenti di oggi vanno a giga e telefonini. Un ragazzo su 3 cade letteralmente nel panico appena finisce il traffico Internet sul proprio smartphone ed il 20% non riesce neanche ad aspettare il rinnovo della propria tariffa telefonica. A lanciare l’allarme da dipendenza da Internet è una ricerca condotta da Skuola.net, Università Sapienza di Roma e Università Cattolica di Milano per conto della Polizia di Stato. L’indagine, che ha visto coinvolti 6.671 giovani tra gli 11 e i 25 anni, è stata svolta all’interno della 5 edizione di “Una Vita da Social”, la campagna educativa itinerante per il corretto uso di Internet della Polizia Postale e delle Comunicazioni, arrivata alla tappa conclusiva il 10 maggio a Roma.

L’analisi e i dati
In media, circa la metà degli studenti – circa il 45% – passa su Internet almeno 5-6 ore al giorno, con la stessa intensità sia durante la settimana (quando dovrebbero essere più impegnati) che nel week-end. Con picchi ancora più alti tra chi ha meno di 19 anni. E i risultati di questa attività si vedono eccome: potrebbe essere un caso ma i più attivi sono anche quelli che stentano negli studi, raggiungendo a fatica la sufficienza. Forse perché il loro pensiero è sempre concentrato su quello che sta succedendo online.

Basta prendere una giornata tipo per capirlo: in base all’analisi, si stima che l’utente medio controlli tra le 10 e le 20 volte all’ora, in pratica fino a un check ogni 3 minuti, se gli sono arrivate – sullo smartphone o sul computer – nuove notifiche. Inoltre, quando manca la connessione alla Rete, 1 intervistato su 5 dice di sentirsi a disagio, quasi in ansia. Ancora peggio uno su 3, quando finisce i gigabyte previsti dal proprio piano tariffario, entra nel panico dichiarando di attendere con trepidazione il momento in cui si rinnoverà l’offerta e riceverà di nuovo il ‘pieno’ di giga; magari agganciandosi a qualche rete Wi-Fi gratuita intercettata qua e là. Ma c’è anche chi non ce la fa proprio ad aspettare: il 20% corre immediatamente ai ripari acquistando traffico supplementare.

Il sondaggio indaga poi su come sfruttano le infinite vie del web gli adolescenti e i ragazzi un po’ più cresciuti: l’11% interroga soprattutto i motori di ricerca per approfondire dubbi e interessi. Il 10% si dedica ai giochi online o alle app per lo svago. Ma la parte del leone la fanno i social network: il 42% usa Internet prevalentemente per entrare sul proprio profilo social. Oltre 6 giovani su 10, poi, pubblicano almeno un autoscatto a settimana sui vari social network. Nel 14% dei casi si sale fino ad uno al giorno. Nel 13% persino più volte nell’arco delle 24 ore. Lo strumento preferito per farlo è lo smartphone (con il 60% di consensi), seguito a lunga distanza dalla webcam (14%).

Il Daredevil selfie
Per condividere, però, bisogna essere sicuri che tutto sia perfetto; per questo la metà del campione, prima di postare un selfie ne scatta almeno quattro. Mentre 1 su 3, se vede che non riceve abbastanza like, è molto propenso a cancellarlo. Una ricerca del consenso virtuale che, a volte, spinge a esagerare. Per stupire, qualcuno, mette addirittura a repentaglio la propria vita. E’ il cosiddetto fenomeno del ‘Daredevil selfie’, ovvero gli autoscatti in situazioni pericolose: il 35% dichiara di averci di provato almeno una volta, prevalentemente alla guida del motorino o della macchina. Una foto che, poi, è stata condivisa sui social nel 53% dei casi. Un fenomeno che colpisce soprattutto gli studenti maschi, sia quelli con scarso rendimento scolastico sia quelli con ottimo profitto.

Potrebbe piacerti anche

Mea culpa di Cook a evento Fortune: “Troppo tempo sugli iPhone”

Si trascorre troppo tempo sugli iPhone. A dirlo non sono associazioni per la tutela ....

Google Pay, un portafogli nello smartphone

La tecnologia Nfc è sempre stata un cavallo di battaglia della Apple che, recentemente, ....

Privacy: social e chat vietate agli under 16

Arriva la stretta annunciata su internet in Europa. Per tutelare la privacy dei minori, ....