fbpx

    Robert Harris torna con “Monaco”

    Fotografia: Robert Harris (ANSA)

    Settembre 1938. Hugh Legat è uno degli astri nascenti del Servizio diplomatico britannico e lavora al numero 10 di Downing Street come segretario particolare del primo ministro, Neville Chamberlain. L’aristocratico Paul von Hartmann fa parte dello staff del ministero degli Esteri tedesco ed è in segreto un membro della cospirazione anti-Hitler. I due uomini, che si erano conosciuti e frequentati a Oxford, non si sono più visti né sentiti per sei anni, fino al giorno in cui le loro strade si incrociano nuovamente in circostanze drammatiche in occasione della Conferenza di Monaco, un momento cruciale che definirà il futuro dell’Europa”.

    Dalla penna di Robert Harris, famoso per il romanzo ucronico Fatherland, arriva la spy story “Monaco”, ricostruzione della verità sull’omonimo patto del settembre 1938. Il libro nasce da un documentario che lo scrittore realizzò per la Bbc su Chamberlain e Monaco nel 1988, su cui ha riflettuto per trent’anni prima di costruire una storia vera in forma di romanzo, aggiungendo i personaggi di Hugh Legat e Paul von Hartmann.

    Robert Harris, ”MONACO” (MONDADORI, pp. 298 – 20,00 euro – traduzione di Annamaria Raffo).

    • Mostra Commenti

    L indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

    Commento *

    • name *

    • email *

    • website *