Nasce app per non dimenticare bimbi in auto

Fotografia: App per vigilare sui bimbi lasciati in auto (Shutterstock)

Da un recente sondaggio sugli optional che gli automobilisti vorrebbero di serie sui loro veicoli, è emerso che il 52% degli intervistati vorrebbe un sensore che avvisi nel caso si lasci il bambino sul seggiolino con macchina chiusa.

Si chiama ‘Ok Ci Sei!’ ed è un sistema che consente di gestire in modo integrato e informatizzato le presenze dei bambini nei nidi d’infanzia, fornendo, tra le varie funzioni, anche un valido aiuto nel caso di amnesie dissociative, ovvero quel fenomeno che può portare un genitore a dimenticare il figlio in auto.

Il progetto, promosso dall’associazione “Gaia Onida”, entra ora in una nuova fase di sviluppo, facilitata dalla collaborazione tra due start up del Polo tecnologico di Navacchio (Pisa). Grazie all’installazione negli asili nido di un apposito dispositivo, ‘Ok Ci Sei!’ permette di gestire le presenze dei bambini tramite registro informatico in modo semplice, veloce ed efficace. Se il bambino risulta assente e l’assenza non è giustificata, il sistema invia alert, email e sms sui telefoni cellulari di entrambi i genitori. Il progetto è stato presentato al Polo Tecnologico di Navacchio (Pisa) alla presenza dei genitori di Gaia Onida, che hanno dato vita all’omonima associazione dopo il tragico evento che ha coinvolto la loro bambina, dimenticata in auto a Vada (Livorno) e deceduta per ipertermia nel 2016.

‘Ok Ci Sei!’, spiega una nota del Polo, “è già stato sperimentato con successo in due asili nido del Comune di Rosignano Marittimo (Livorno) dal dicembre scorso e “per rendere ancora più semplice e più efficace l’utilizzo del sistema, sono in fase di sviluppo un software e un’app mobile dedicati, che consentono di gestire comunicazioni e notifiche anche da remoto“.

 

Potrebbe piacerti anche

Apple pronta al lancio di quattro nuovi iPhone?

Apple sta lavorando ad iPhone con display Oled curvi, controllabili con semplici gesti della ....

Messenger: “M Translations”, un ponte fra Usa e Messico

Dopo aver introdotto i video promozionali in Messenger, Facebook ha creato tramite la sua ....

Diagnosi ‘fai da web’: un app sfida i medici

Più dell’80% degli italiani si rivolge al web per avere informazioni sulla salute propria ....