AI: 2 mln di nuovi posti di lavoro

Fotografia: Shutterstock

Nel 2020 l’intelligenza artificiale creerà a livello globale più posti di lavoro di quanti ne farà perdere – 2,3 milioni contro 1,8 milioni, rispettivamente – con un saldo positivo di cinquecentomila impieghi. Lo prevedono gli analisti di Gartner, multinalzionale di ricerca e consulenza strategica. Il numero di posti colpito dall’intelligenza artificiale varia in base al settore: fino al 2019 l’assistenza sanitaria, il comparto pubblico e l’istruzione vedranno una domanda di lavoro in continua crescita, mentre la produzione sarà l’area colpita più duramente. A partire dal 2020, evidenziano gli esperti, la creazione di occupazione legata all’intelligenza artificiale entrerà in territorio positivo e nel 2025 si conteranno 2 milioni di posti in più. “In passato molte innovazioni significative si sono combinate con un periodo di transizione in cui si è verificata una perdita di lavoro, seguito da una ripresa e dalla trasformazione del business. L’intelligenza artificiale seguirà lo stesso percorso”, spiega la ricercatrice Svetlana Sicular

  • Mostra Commenti

L indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Potrebbe piacerti anche

Scontro dazi Cina-USA avvantaggia l’Italia?

Dopo i dazi decisi dal presidente statunitense Donald Trump sulle importazioni d’acciaio e alluminio, la ....

Raccolta dati sul web: 6 utenti su 10 sono consapevoli

Dopo mesi di scandali, discussioni sulla privacy, l’entrata in vigore della nuova norma europea ....

EarthNow, Bill Gates investe nello ‘spazio’

In principio era Google Earth, applicazione che permetteva di vedere il nostro pianeta dallo ....