Europei: niente gara dei 200 metri per Tortu

Fotografia: Filippo Tortu (ANSA)

Filippo Tortu, primo italiano a scendere sotto i dieci secondi nei 100 metri piani e fresco primatista nazionale di specialità col tempo di 9”99 al meeting di Madrid, punta agli Europei (7-12 agosto) dove correrà i 100 metri e la staffetta 4X100 ma non parteciperà anche alla gara dei 200.

La notizia è stata data dalla Fidal con un comunicato: “In una riunione svoltasi questa mattina a Roma, alla quale hanno preso parte il Presidente federale Alfio Giomi, il ct della Nazionale Elio Locatelli, Salvino Tortu (in qualità di allenatore del figlio Filippo), e il responsabile tecnico delle Fiamme Gialle Andrea Ceccarelli, si sono definiti i termini della partecipazione di Filippo Tortu ai prossimi Europei. Con decisione pienamente condivisa, si è stabilito che lo sprinter azzurro, correrà a Berlino la gara individuale dei 100 metri, e sarà disponibile per la staffetta 4×100. Escluso l’impegno sulla distanza doppia, peraltro non ancora corsa quest’anno, che lo aveva lanciato nel Golden Gala 2017“.

E’ una scelta che ha ragioni esclusivamente tecniche e di programmazione – spiega Salvino Tortued è in linea con il percorso che ha portato Filippo ad essere l’atleta che è. Si giocherà tutto sui 100, dove ha dimostrato di poter valere l’élite continentale, e sarà parte del gruppo della staffetta, le cui potenzialità si sono già viste in occasione dei Giochi del Mediterraneo. Sono pienamente consapevole del fatto che avrebbe potuto giocarsi le sue carte anche sui 200 metri, ma, in estrema sintesi, ritengo che partecipare a tutte e tre le prove di sprint, sia troppo per un ragazzo di appena 20 anni. Lo farà, o almeno me lo auguro, tra due anni, ai Giochi Olimpici di Tokyo, che rappresentano il traguardo di questa prima fase della sua carriera“.

Filippo Tortu non ha nascosto di avere aspettative importati dalla manifestazione continentale, dove vorrebbe fare il suo personale e arrivare in finale. Il giovane ha battuto il record italiano dei 100 metri che, da 39 anni, apparteneva a Pietro Mennea, migliorando così il primato nazionale della ‘Freccia del Sud’ che resisteva da quasi 39 anni (10.01 a Città del Messico, realizzato il 4 settembre 1979).

Potrebbe piacerti anche

La Serie A di Diletta Leotta e Paolo Maldini

In pieno calcio mercato, si muova anche un’altra campagna acquisti, quella che riguarda i ....

Terremoto al Real Madrid: Zidane lascia il club

Chi ha detto che un fulmine non cade mai due volte nello stesso posto ....

Milan e Bari, il futuro si decide nei prossimi giorni

Corse contro il tempo di due squadre italiane che puntano a diversi traguardi che ....