Belgio contro il tabù Francia

Fotografia: Matuidi al rientro con la Francia (Shutterstock)

Francia-Belgio e Inghilterra-Croazia. Le semifinali che nessuno si aspettava sono alle porte. Due grandi contro due squadre di talento, tradizione da una parte, dall’altra voglia di entrare definitivamente nel novero delle grandi.

L’esempio calzante è la sfida di domani fra galletti e diavoli rossi. I transalpini sono una realtà del calcio internazionale e disputeranno la sesta semifinale della loro storia; furono eliminati nel 1958 dal Brasile e nel 1982 e 1986 dalla Germania Ovest, qualificandosi invece nel 2006 con il Portogallo (sconfitti dall’Italia in finale) e con la Croazia nel 1998, anno del Mondiale casalingo vinto davanti al proprio pubblico allo Stade de France, ricordato più che per il primo trionfo francese, per il malore che colpì improvvisamente Ronaldo alla vigilia della gara e sul quale, dopo 20 anni, ancora si fanno speculazioni. Altro punto a favore dei francesi è l’esperienza del Ct Didier Deschamps che, da giocatore e capitano, fu campione del mondo 1998 e d’Europa (2000) con i bleus.

I ‘diavoli rossi’, invece, puntano alla definitiva consacrazione, per passare da eterna promessa a protagonista e, soprattutto, rompere la maledizione Francia; nonostante il bilancio in tutti gli scontri diretti veda in vantaggio il Belgio (30 successi contri i 24 degli avversari), gli unici due precedenti iridati sono stati sfavorevoli: nel 1938, 3-1 al primo turno, 4-2 ai supplementari nella finale per il terzo posto a Messico 86.

Altro tema della semifinale di domani è la sfida tra la miglior difesa del torneo ( la Francia ha subito solo 4 reti, come Croazia e Inghilterra) e il miglior attacco (14 reti): nella storia della competizione, solo il Brasile nel 2002 fece meglio, arrivando in semifinale con 15 goal all’attivo.

Il Belgio, bomber Lukaku a parte, ha molti giocatori in grado di arrivare al tiro e mettere in difficoltà la retroguardia transalpina, non offrendole punti di riferimento; la Francia, tolta la coppia Mbappé e Griezmann, dovrà sperare che il rientrante Matuidi trovi soluzioni offensive alternative.

Potrebbe piacerti anche

Calcio: la nazionale femminile vola al Mondiale

L’Italia femminile di calcio torna a far parlate di sé. Grazie al  3-0 sul ....

Europei: niente gara dei 200 metri per Tortu

Filippo Tortu, primo italiano a scendere sotto i dieci secondi nei 100 metri piani ....

Germania fuori: le debacle storiche dei Mondiali di calcio

Mentre la Germania, quella politica, rischia di tornare al voto per il problema dei ....