Apnee notturne pericolo per la sicurezza stradale

Fotografia: Attenzione al volante (Africa Studio /Shutterstock)

Quante volte avete sentito, o dato, il consiglio di fare una buona dormita prima di mettersi in viaggio per evitare colpi di sonno e possibili incidenti? Questo consiglio potrebbe non essere sufficiente.

Dodici milioni di italiani sono a rischio di apnee notturne ma l’80% di loro non ne è consapevole, nonostante questo disturbo provochi ogni anno almeno 12.300 incidenti stradali e 250 morti. Spesso sottovalutata, questa patologia provoca sonno frammentato e stanchezza nel corso della giornata. Esserne consapevoli può salvare la vita propria e altrui.

Nasce con questo obiettivo la campagna “Dormi meglio, guida sveglio”, promossa dall’Automobile Club d’Italia (ACI) e della Fondazione Italiana Salute Ambiente e Respiro (Fisar), che ha l’obiettivo di sensibilizzare sui rischi per la sicurezza stradale della Sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (OSAS). Vero e proprio problema di salute pubblica, le apnee notturne causano brevissime e frequenti interruzioni della respirazione  mentre si dorme. Sono, evidenzia Claudio Sanguinetti, presidente Fisar, “uno dei maggiori fattori di rischio per malattie cardio e cerebrovascolari, che quadruplica la probabilità di ictus e raddoppia quella di ipertensione, diabete, aritmie“.

Molto spesso chi ne soffre non se ne rende conto o sottovaluta il problema. L’iniziativa mira a migliorare la diagnosi e la cura dei moltissimi casi, ancora sommersi. Obiettivo del progetto è far sì che il rilascio-rinnovo della patente, che riguarda ogni anno 5 milioni di italiani, diventi un’occasione per un “check-up del sonno”, come prevede anche un decreto ministeriale in vigore dal 2016. Il progetto si articolerà su tutto il territorio nazionale tramite le oltre 1.500 delegazioni ACI, dove i cittadini saranno invitati a compilare un questionario per valutare il rischio di OSAS e, in caso positivo, prenotare un esame diagnostico. Ciò consentirà di accelerare i tempi per ottenere la patente, garantendo idoneità alla guida ma anche efficaci terapie. “Ogni anno muoiono per distrazione più di 500 persone sulle nostre strade: l’uso scorretto dello smartphone è il primo fattore di rischio, ma non vanno sottovalutati i disturbi che compromettono il riposo e pregiudicano l’attenzione alla guida“, dichiara Angelo Sticchi Damiani, presidente ACI.

Potrebbe piacerti anche

Car sharing: Parigi imiterà Roma

In Italia, la flotta di veicoli a noleggio o in sharing sulle strade italiane ....

Excellence in Climate Solutions Award alla Nissan

Nissan è stata insignita dell’Excellence in Climate Solutions Award per il suo impegno pionieristico ....

La Mercedes-AMG Project ONE ‘debutta’ alla 1000 Miglia

La Mercedes-AMG Project ONE, la prima hypercar della Stella farà il suo debutto –  ....