Antibiotici, cicli ridotti per effetti migliori

Fotografia: Antibiotici con moderazione (Shutterstock)

Antibiotici, funzionano o stanno perdendo la loro efficacia? Recentemente si è parlato di super batteri insolitamente resistenti a tutti o quasi gli antibiotici disponibili (221 i casi portati alla luce nel 2017 negli Usa), soprattutto nei reparti pediatrici o in casi di città dove le temperature sono molto alte.

Per garantire una maggiore efficacia delle cure, viene consigliato di interrompere prima possibile i cicli di antibiotici per evitare di raggiungere un punto di non ritorno che favorisce l’insorgere della resistenza. Lo affermano gli esperti dell’università di Exeter dopo uno studio pubblicato su Nature Ecology & Evolution. Nello studio i ricercatori hanno esaminato come le comunità di batteri reagiscono a diversi cicli di antibiotici in condizioni di laboratorio, trovando che sia la variazione del livello degli zuccheri, che imita quella che avviene nel sangue dei pazienti, sia la durata del ciclo di terapia possono portare le comunità microbiche ad un punto di non ritorno, dopo il quale emergono batteri resistenti. Se si supera il livello di guardia, spiegano, la resistenza aumenta anche se si interrompe la terapia.

Per decenni – spiega Robert Beardmore, l’autore principale – ai pazienti è stato detto di completare il ciclo di antibiotici con l’assunzione che prendendone troppo pochi avrebbe causato la mutazione dei batteri e la resistenza. Tuttavia più recentemente alcuni studi hanno suggerito che più a lungo il microbo è esposto all’antibiotico più è probabile che si sviluppi la resistenza“.

Potrebbe piacerti anche

Fumo. Muoversi aiuta a scacciare il vizio

Un po’ di sana attività fisica aiuta a “dimenticare” il vizio del fumo. Quando ....

Volete fare un bagno? Prima fate questo controllo

Una delle maggiori preoccupazioni durante l’estate è la tintarella (anche se i timori dovrebbero ....

Attività fisica prolungata? Mezza banana meglio degli sport-drink

Che si tratti di lunghe pedalate o di una maratonina l’importante è, a un ....